Acido Biliare Totale

L’acido biliare totale viene utilizzato per valutare le funzioni epatiche, per identificare disfunzioni epatiche dovute a fattori ambientali e chimici, per mostrare lo sviluppo istologico del fegato in pazienti con epatite cronica C in terapia con interferone e per valutare la colestasi intraepatica in gravidanza. Sebbene sia uno dei marker più sensibili di malattie del fegato, non è ampiamente utilizzato. L’acido biliare totale è anche chiamato acido biliare sierico.

Gli acidi biliari più importanti nell’uomo sono l’acido colico e l’acido chenodesossicolico.

Per l’analisi degli acidi biliari sierici sono necessarie 8-10 ore di digiuno. I valori degli acidi biliari aumentano dopo un pasto. Negli individui normali, gli acidi biliari aumentano solo leggermente dopo un pasto, mentre è molto alto nella cirrosi, nell’epatite, nella colestasi, nella trombosi della vena porta, nella sindrome di Budd-Chiari, nella colangite, nel morbo di Wilson e nell’emocromatosi.

Di seguito sono elencati i normali intervalli di riferimento per il dosaggio degli acidi biliari totali.

Fame: 0-10 mmol/L
Tenacità: 0-15 mmol/L

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here