Agenti alchilanti

Gli agenti alchilanti sono composti che impediscono un adeguato legame dei trefoli della doppia elica aggiungendo un gruppo alchilico alla base guanina della molecola di DNA. Ciò influisce sulla capacità delle cellule tumorali di crescere, causando la rottura delle sequenze di DNA. Alla fine, la cellula cancerosa muore. Gli agenti alchilanti erano una delle prime classi di farmaci usati contro il cancro. Esistono cinque categorie tradizionali di agenti alchilanti:

  • Senape azotate (ad es. Bendamustin, clorambusil, ciclofosfamide, ifosfamide, mechlorethamine, melfalan)
  • Nitrosoureas (es. Karmustin, lomustin, streptozosin)
  • Solfonati alchilici (es. Busulfan)
  • Triazine (ad esempio Dakarbazin, temozolomide)
  • Etilenimmina (ad es. Altretamina, tiotepa)

La trabectedina è classificata come alcaloide tetraidroisochinolina e, a differenza dei tradizionali agenti alchilanti, si lega al piccolo solco di DNA e alchilato guanina in posizione N2. Gli agenti alchilanti sono efficaci in ogni fase del ciclo di vita di una cellula cancerosa, ovvero sono efficaci nel trattamento di un’ampia varietà di tumori. È più efficace nel trattamento di tumori a crescita lenta come leucemia e tumori solidi, ma è anche usato nel trattamento dei tumori al seno, ai polmoni, alle ovaie e alla prostata. Linfomi, mielomi, sarcomi e malattia di Hodgkin. Altri tipi di cancro per cui è usato. Poiché gli agenti alchilanti colpiscono spesso tutte le cellule che si dividono, sono anche tossici per le cellule normali, in particolare il tratto gastrointestinale, il midollo osseo, i testicoli e le ovaie. Nota: sebbene gli agenti antitumorali contenenti platino, carboplatino, cisplatino e oxaliplatino siano spesso classificati come agenti alchilanti, il loro meccanismo d’azione è diverso. In un altro modo, causano attaccamenti di DNA covalenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here