Anticoagulanti

Gli anticoagulanti sono medicinali che prolungano il tempo di coagulazione del sangue. Viene spesso chiamato fluidificante del sangue.

Esistono diversi tipi di anticoagulanti. Tutti i tipi di sangue agiscono su un diverso livello di coagulazione. Alcuni sono somministrati per via orale, mentre altri possono essere somministrati solo per iniezione.

A cosa servono gli anticoagulanti?

Gli anticoagulanti possono essere usati per trattare i coaguli di sangue o quando il rischio di coaguli di sangue è aumentato per ridurre il rischio di coaguli di sangue.

Esempi di situazioni in cui è possibile utilizzare anticoagulanti:

Quali sono le differenze tra anticoagulanti?

Gli anticoagulanti possono essere suddivisi in quattro gruppi principali:

  • Cumarine e indandioni;
  • Inibitori del fattore Xa;
  • Eparine;
  • Inibitori diretti della trombina.

Cumarine e indandioni

Il gruppo cumarinico di warfarin è anticoagulante. La via della coagulazione del sangue funziona limitando la presenza della vitamina K necessaria per produrre i fattori di coagulazione II, VII, IX e X. Ciò riduce la capacità del sangue di coagulare.

Le indandioni hanno un modo simile di lavorare con i cumarinici, ma sono principalmente utilizzate nel controllo dei parassiti per controllare le popolazioni di ratti, topi e conigli. Esempi includono pindon e dipazinon.

Cumarine e indandioni possono anche essere chiamati antagonisti della vitamina K.

Come marchio, Coumadin è il tipo di warfarin frequentemente utilizzato sul mercato.

Inibitori del fattore Xa

Gli inibitori del fattore Xa agiscono sul fattore Xa nello strato di coagulazione, che è responsabile della conversione della protrombina proteica in trombina. Gli inibitori del fattore Xa possono influenzare il fattore Xa nel sangue e in un coagulo preesistente.

Gli inibitori del fattore Xa non richiedono un monitoraggio di routine, a differenza di altri anticoagulanti.

Eparine

Le eparine sono un gruppo di anticoagulanti costituiti da eparina non frazionaria, eparine a basso peso molecolare ed eparinoidi.

L’eparina non frazionata (di solito chiamata semplicemente eparina) deve essere somministrata direttamente nel sangue mediante iniezione endovenosa (IV) e inibire la trombina e il fattore Xa, i fattori necessari nelle fasi finali della coagulazione del sangue. L’eparina può anche essere chiamata eparina ad alto peso molecolare. Per controllare l’APTT è necessario il monitoraggio giornaliero con eparina. APTT è la velocità con cui si verifica la coagulazione.

Le eparine a basso peso molecolare (LMWH) agiscono anche sulla trombina e sul fattore Xa; tuttavia, preferibilmente disabilitano il fattore Xa. Poiché le risposte anticoagulanti sono più prevedibili, non necessitano di un monitoraggio giornaliero del sangue. Le eparine a basso peso molecolare durano molto più a lungo nel corpo rispetto all’eparina e vengono iniettate sotto la pelle (per via sottocutanea).

Gli epararinoidi hanno un effetto simile all’eparina e vengono estratti da specifici tessuti animali e vegetali o prodotti sinteticamente. Di solito vengono applicati localmente e vengono facilmente assorbiti nella pelle; Qui possono ridurre i piccoli coaguli di sangue, ridurre l’infiammazione e il dolore e il disagio associati. Anche la chitina e la condroitina solfato sono eparinoidi.

Inibitori diretti della trombina

Gli inibitori diretti della trombina si legano direttamente alla trombina e ne inibiscono l’effetto. Gli inibitori diretti della trombina che devono essere somministrati per iniezione includono sia il sito enzimatico attivo sia la desirudina che si lega allo scarico 1 e l’argatroban che si lega solo al sito enzimatico attivo. Dabigatran è un inibitore diretto della trombina orale che si lega in modo reversibile al sito enzimatico attivo.

Gli anticoagulanti sono sicuri?

Gli anticoagulanti sono considerati sicuri se somministrati esattamente come previsto durante il periodo raccomandato. Tuttavia, è stato associato ad alcuni effetti collaterali gravi come:

Sanguinamento e sanguinamento maggiori o fatali: esiste un serio rischio di sanguinamento con anticoagulanti, specialmente nelle persone con ulcerazione attiva, disturbi emorragici, ictus emorragico, a causa del modo in cui lavorano per prolungare l’emorragia. Le persone che assumono farmaci che aumentano il rischio di interventi chirurgici, malattie renali o sanguinamento sono ad aumentato rischio. Quando si usano anticoagulanti, consultare immediatamente un medico per sanguinamento non-stop o altri sintomi come sangue dal naso persistente, urine o feci, sanguinamento mestruale pesante o tosse.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here