Beta Bloccanti

I beta-bloccanti sono una classe di farmaci che si legano ai beta adrenorecettori e impediscono alla noradrenalina e all’adrenalina di legarsi a questi recettori. I beta-bloccanti prevengono la stimolazione simpatica del cuore e riducono la frequenza cardiaca, la contrazione cardiaca, la velocità di conduzione e la richiesta di ossigeno del miocardio e il tasso di rilassamento, che aumenta la tolleranza all’esercizio. I beta bloccanti sono anche chiamati agenti bloccanti beta adrenergici.

I beta-bloccanti sono non selettivi (bloccando sia i recettori beta-1 che beta-2 come nadololo, penbutololo, pindololo, propranololo, sotalolo e timololo) e cardioselettivi (solo beta-1 come acebutololo, betaxololo, bisoprololo, esmololo e metoprololo ) bloccanti dei recettori). Alcuni, come l’atenololo, sono cardioselettivi solo a basse dosi.

Entrambi i recettori beta-1 e beta-2 si trovano nel cuore, sebbene i recettori beta-1 siano il tipo predominante. I recettori beta-2 si trovano nella muscolatura liscia vascolare, nei vasi sanguigni e nei muscoli che rivestono le vie aeree. Alcuni beta-bloccanti (es. acebutololo, carteololo, labetalolo, penbutololo, pindololo) sono chiamati agonisti parziali e hanno un’attività simpaticomimetica intrinseca (ISA) perché attivano parzialmente il recettore beta mentre inibiscono il legame della noradrenalina al recettore. Altri (come betaxololo, metoprololo, pindololo e propranololo) hanno attività stabilizzante di membrana. Carvedilolo e labetalolo bloccano i recettori alfa-1 adrenergici oltre ai recettori beta, che abbassano la pressione sanguigna e vasodilata ulteriormente le arterie.

A cosa servono i beta-bloccanti?

I beta-bloccanti sono usati per trattare l’ angina pectoris, l’ aritmia, l’insufficienza cardiaca e l’ipertensione.  Ci sono prove che il suo uso aumenta la sopravvivenza a seguito di infarto miocardico (attacco di cuore). Per questo motivo può essere utilizzato dopo un infarto. Può essere utilizzato anche nel trattamento di alcuni tipi di tremore ed emicrania.

Effetti collaterali dei beta-bloccanti

Gli effetti collaterali comuni dei beta-bloccanti possono includere:

  • Mani o piedi freddi
  • Stanchezza
  • Ingrassare

Gli effetti collaterali meno comuni includono:

  • Depressione
  • Fiato corto
  • Problema del sonno

Il blocco dei recettori beta, in particolare da parte di beta bloccanti non selettivi, può causare costrizione bronchiale (restringimento delle vie aeree). Le persone con condizioni respiratorie preesistenti sono maggiormente a rischio per questo. Per questo motivo, i beta-bloccanti non sono generalmente utilizzati nelle persone con asma a causa del timore che il farmaco possa scatenare gravi attacchi di asma.

Nelle persone con diabete, i beta-bloccanti possono prevenire i sintomi di ipoglicemia, come le palpitazioni. Se hai il diabete e usi un beta-bloccante, è importante controllare regolarmente la glicemia.

I beta-bloccanti possono anche influenzare i livelli di colesterolo e trigliceridi. Possono causare un leggero aumento dei trigliceridi, un tipo di grasso nel sangue, e una leggera diminuzione del colesterolo “buono”, o colesterolo delle lipoproteine ​​ad alta densità (HDL). Questi cambiamenti sono generalmente temporanei.

Non dovresti interrompere improvvisamente l’assunzione di beta-bloccanti perché ciò può aumentare il rischio di infarto o altri problemi cardiaci.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here