Che cos’è la sindrome del dolore miofasciale?

La sindrome del dolore miofasciale è una condizione di dolore cronico che colpisce il sistema muscolo-scheletrico. La sindrome del dolore miofasciale è una condizione cronica che colpisce la fascia (tessuto connettivo che ricopre i muscoli). Può coinvolgere un singolo muscolo o un gruppo di muscoli. In alcuni casi, l’area in cui la persona avverte il dolore potrebbe non essere quella in cui si trova il generatore di dolore miofasciale. Gli esperti ritengono che la posizione effettiva della lesione o della tensione porti allo sviluppo di un punto trigger che provoca dolore in una parte diversa del corpo. Questa condizione è nota come dolore riferito.

Il dolore miofasciale può svilupparsi da una lesione muscolare o da uno sforzo eccessivo su un particolare muscolo o gruppo muscolare, legamento o tendine. Altri motivi sono:

  • Lesioni alle fibre muscolari
  • Movimenti ripetitivi
  • Mancanza di attività (come avere un braccio rotto in un’imbracatura)

Quali sono i sintomi della sindrome del dolore miofasciale?

I sintomi comuni della sindrome del dolore miofasciale includono:

  • Dolore profondo nelle aree muscolari localizzate
  • Dolore che peggiora quando il muscolo interessato viene allungato
  • Dolore muscolare che peggiora o non migliora nel tempo
  • Presenza di nodi dolorosi nei muscoli che producono intenso dolore localizzato o riferito quando vengono premuti
  • Muscoli deboli, rigidi, inflessibili o con una gamma ridotta di movimento
  • Disturbi dell’umore o del sonno

Diagnosi della sindrome del dolore miofasciale

Il medico eseguirà un esame fisico per cercare i punti trigger del dolore miofasciale. Il medico cercherà noduli teneri nelle parti tese dei muscoli e applicherà loro pressione per trovare una risposta al dolore. Quando premi un punto trigger, il medico sentirà una contrazione o una risposta al dolore nel muscolo.

Non c’è nessun altro test che possa mostrare la presenza della sindrome del dolore miofasciale. Il medico ti ascolterà per descrivere dove e come provi il dolore. È importante che comunichi al medico tutti i sintomi attuali e le lesioni o gli interventi chirurgici passati.

Esistono diversi tipi di punti trigger miofasciali che il medico può trovare, tra cui:

  • Punti trigger attivi: Questi punti trigger sono noduli all’interno di una fascia muscolare tesa. Sono spesso fonte di dolori muscolari. Sono molto sensibili, causano dolore riflesso e producono spasmi quando vengono toccati.
  • Punti trigger nascosti: Questi noduli non causano dolore quando vengono toccati. Possono rimanere dormienti per anni e diventare attivi quando si verificano stress o traumi.
  • Punto trigger secondario: Questo è un punto dolente in un muscolo che diventa attivo quando si sollecita un altro muscolo.
  • Punto miofasciale satellitare: Questo è un punto dolente che diventa attivo perché si trova vicino a un altro punto trigger.

Trattamento della sindrome del dolore miofasciale

I farmaci che possono alleviare i sintomi della sindrome del dolore miofasciale includono:

  • Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS): I farmaci acetaminofene e ibuprofene possono alleviare il dolore e il gonfiore.
  • Analgesici:  antidolorifici come lidocaina o diclofenac, tramadolo, inibitori della COX-2 e tropisetron possono essere preferiti per il trattamento del dolore più grave.
  • Rilassanti muscolari: Farmaci come le benzodiazepine e la tizanidina possono ridurre gli spasmi muscolari.
  • Anticonvulsivanti: Gabapentin e pregabalin possono alleviare il dolore e ridurre gli spasmi muscolari.
  • Antidepressivi triciclici: Sono indicati per trattare il dolore cronico, la fibromialgia e il dolore ai nervi, che sono condizioni simili alla sindrome del dolore miofasciale.
  • Iniezioni di Botox: Il botulino di tipo A è una potente neurotossina che inibisce le contrazioni muscolari e può avere effetti antidolorifici.

Oltre ai trattamenti di cui sopra, la terapia con ago secco, l’agopuntura, la terapia ad ultrasuoni e le applicazioni di massaggio hanno risultati positivi nella sindrome del dolore miofasciale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here