Cos’è la chetosi?

La chetosi è uno stato metabolico con alti livelli di chetoni nel sangue. Il glucosio è la fonte di energia preferita per molte cellule del corpo. Quando il corpo non ha abbastanza glucosio per produrre energia, brucia il grasso immagazzinato per produrre energia. Questo fa sì che gli acidi chiamati chetoni si accumulino nel corpo.

La chetosi è principalmente associata a diete chetogeniche e a bassissimo contenuto di carboidrati. Si verifica anche durante la gravidanza, l’infanzia, il digiuno e la fame.

Puoi entrare in chetosi seguendo una dieta povera di carboidrati e ricca di grassi, come la dieta chetogenica. Di solito è necessario mangiare meno di 50 grammi di carboidrati al giorno, e talvolta fino a 20 grammi al giorno, affinché la chetosi abbia inizio. Tuttavia, l’assunzione di carboidrati necessaria per entrare nella chetosi varia da persona a persona.

Quando si segue una dieta a basso contenuto di carboidrati, i livelli di ormone dell’insulina diminuiscono e grandi quantità di acidi grassi vengono rilasciate dalle riserve di grasso corporeo.

La maggior parte di questi acidi grassi viene trasportata al fegato, dove viene ossidata e convertita in chetoni. Esistono tre diversi tipi di chetoni. Questi sono acetoacetato, 3-idrossibutirrato (β-idrossibutirrato) e acetone, un sottoprodotto non metabolizzato. Queste molecole possono fornire energia al corpo.

A differenza degli acidi grassi, i chetoni possono attraversare la barriera emato-encefalica e fornire energia al cervello in assenza di glucosio. C’è un malinteso molto comune che il glucosio sia l’unica fonte di energia del cervello. Tuttavia, il cervello può utilizzare i chetoni come fonte di energia.

Segni che sei in chetosi

Di seguito sono elencati i segni che puoi dire che sei in chetosi

  • L’odore del tuo alito: Il primo cambiamento che le persone in chetosi possono osservare è nell’odore del loro alito. L’odore del tuo alito è spesso caratterizzato come odore di acetone e talvolta un odore fruttato. Il motivo per cui l’alito odora di acetone è che i corpi chetonici nel corpo vengono metabolizzati in acetone e questo viene espulso attraverso la respirazione.
  • Perdita di peso: Le persone in chetosi sperimentano una rapida perdita di peso. La ragione di ciò è che il corpo perde acqua rapidamente a causa dell’assunzione limitata di carboidrati e quindi il processo di perdita di peso continua con la combustione dei grassi.
  • Variazione dei livelli di chetoni: Il modo più sicuro per sapere se sei in chetosi è guardare i livelli di chetoni nel sangue. Livelli di chetoni nel sangue di 1,0 mmol/L – 3,0 mmol/L sono sufficienti per confermare che sei in chetosi. Tuttavia, se si hanno obiettivi terapeutici (resistenza all’insulina, epilessia, ecc.) che si desidera raggiungere con la dieta chetogenica, il livello di chetoni nel sangue dovrebbe essere intorno a 5,0 mmol/L. Il metodo più comune per misurare la variazione del livello di chetoni è con le strisce di urina. Ecco come funzionano le strisce per le urine. La striscia viene immersa nel campione di urina, lasciata entrare in contatto con il campione di urina per circa un minuto, quindi i colori sulla striscia vengono confrontati con la scala cromatica sulla scatola. Puoi avere informazioni sul tuo livello di chetoni in base ai colori qui. Esistono anche misuratori di chetoni che funzionano misurando l’odore di acetone nel respiro.
  • Cambiamenti dell’appetito: La diminuzione dell’appetito è comune nelle persone che seguono la dieta chetogenica. Ci sono due punti di vista su questa situazione. Si pensa anche che il cambiamento degli ormoni della fame e l’uso dei chetoni come energia a causa del basso apporto di carboidrati e dell’elevato apporto di grassi siano efficaci su questo meccanismo.
  • Aumento dei livelli di attenzione e concentrazione: Quando si entra in chetosi, gran parte del cervello inizia a utilizzare i chetoni come fonte di energia invece del glucosio. Potrebbero essere necessari alcuni giorni o settimane prima che inizi a funzionare correttamente. I chetoni sono una fonte di carburante estremamente potente per il tuo cervello. Molti studi medici sono stati condotti su questo argomento per trattare malattie del cervello e condizioni come la perdita di memoria. Pertanto, è comune per le persone a dieta chetogenica a lungo termine riportare spesso prestazioni cognitive migliorate e funzioni cerebrali migliorate.
  • Ketoflu: Ketoflu è una condizione che causa sintomi come insonnia, debolezza, bassa energia, affaticamento, problemi digestivi durante l’ingresso della chetosi. Possiamo pensare a questa situazione come a un problema di adattamento nel processo del corpo di iniziare a utilizzare una nuova fonte di energia. Tutti questi sintomi sono temporanei. Di solito regredisce e scompare entro pochi giorni. Ketoflu è un buon indicatore che sei sulla strada della chetosi.

Benefici della chetosi

È uno dei processi metabolici e dei protocolli nutrizionali più studiati sulla chetosi e sulla dieta chetogenica. Gli studi dimostrano che la chetosi è benefica nelle seguenti condizioni.

  • Sindrome metabolica
  • Resistenza all’insulina
  • Diabete di tipo 2
  • Acne
  • Epilessia
  • Cancro
  • Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS)
  • Alzheimer
  • Parkinson
  • La malattia di Lou Gehrigig
  • Malattie metaboliche ereditarie

Differenze tra chetosi e chetoacidosi

La chetosi è spesso confusa con la chetoacidosi. Mentre la chetosi è un processo controllato, la chetoacidosi è una condizione grave che si verifica improvvisamente e richiede attenzione immediata, solitamente a causa di una malattia metabolica.

Nella chetoacidosi, il flusso sanguigno è inondato da livelli estremamente elevati di glucosio e chetoni. Quando ciò accade, il sangue diventa acido, il che è gravemente dannoso. La chetoacidosi è più comunemente associata al diabete di tipo 1 non controllato. Sebbene meno comune, può verificarsi anche nelle persone con diabete di tipo 2.

Inoltre, l’uso eccessivo di alcol può causare chetoacidosi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here