Cos’è la vitiligine?

La vitiligine è una malattia che causa la perdita del colore della pelle sotto forma di macchie. Le aree scolorite di solito crescono nel tempo. Quando hai la vitiligine, le cellule responsabili del colore della tua pelle vengono distrutte. Queste cellule, chiamate melanociti, non producono più il pigmento della pelle chiamato melanina. Quando le cellule non producono più melanina, le aree della pelle perdono colore o diventano bianche.

La vitiligine è una malattia molto comune. Quasi l’1% della popolazione mondiale ha la vitiligine. 

La vitiligine si sviluppa spesso nei seguenti organi:

  • Aree esposte al sole come mani, piedi, braccia e viso
  • In bocca o altre membrane mucose
  • Narici
  • Organi sessuali
  • Parte posteriore dell’occhio
  • Nell’orecchio

Se ci sono peli nelle zone colpite, i tuoi capelli potrebbero anche essere grigi o bianchi.

Sebbene la vitiligine possa colpire molte parti diverse del corpo, non è contagiosa. Una persona con vitiligine non infetterà un’altra persona.

Quali sono i sintomi della vitiligine?

Il primo segno di vitiligine sono macchie bianche sulla pelle. Se la vitiligine inizia in una zona pelosa, i capelli, le sopracciglia e le ciglia ingrigite sono tra i sintomi della malattia.

Vitiligine segmentale: Le macchie bianche tendono ad essere più piccole e compaiono in una o più aree. Quando la vitiligine appare in uno schema focale o segmentale, tende a rimanere in un’area su un lato del corpo. Spesso continua per un anno, poi si ferma. Inoltre progredisce più lentamente rispetto alla vitiligine non segmentaria.

Vitiligine non segmentaria: Le macchie bianche comuni appaiono simmetricamente su entrambi i lati del corpo. Questo è il modello più comune e può influenzare le cellule del pigmento in qualsiasi parte del corpo. Inizia e si ferma molte volte nella vita di una persona. Non c’è modo di determinare quando, come e quanto velocemente si svilupperanno le patch.

Uno studio ha dimostrato che il 75% delle persone con vitiligine ha perso il pigmento nelle mani e nel viso. Altre aree comuni sono le pieghe del corpo come la pelle sotto le braccia e la zona inguinale.

Quali sono i fattori di rischio della vitiligine?

Non si sa esattamente cosa causa la vitiligine. Si ritiene che i fattori ereditari siano efficaci. La maggior parte delle persone con vitiligine non ha una storia familiare della malattia. Tuttavia, una storia familiare di vitiligine o altre malattie autoimmuni può aumentare il rischio anche se non causa vitiligine.

Un altro fattore di rischio potrebbe essere la presenza di geni associati alla vitiligine, come NLRP1 e PTPN22.

La maggior parte dei ricercatori ritiene che la vitiligine sia una malattia autoimmune perché il tuo corpo attacca le tue stesse cellule. Tuttavia, non è chiaro come il tuo corpo attacchi le cellule del pigmento. Quello che si sa è che il 20% delle persone con vitiligine ha un’altra malattia autoimmune. A seconda della popolazione, questi disturbi possono variare dal più comune al meno comune:

  • Sclerodermia, un disturbo del tessuto connettivo del corpo
  • Lupus
  • La tiroide di Hashimoto
  • Psoriasi
  • Alopecia areata o calvizie
  • Diabete di tipo 1
  • Anemia perniciosa
  • Incapacità di assorbire la vitamina B-12
  • morbo di Addison
  • Artrite reumatoide

Alcuni esperti riferiscono anche che la vitiligine si è verificata dopo i seguenti eventi:

  • Gravi ustioni o tagli solari
  • Esposizione a tossine e sostanze chimiche
  • Elevati livelli di stress

Complicazioni della vitiligine

La situazione più positiva della malattia della vitiligine è che non causa gravi complicazioni fisicamente. Il più comune è più colpito dalle scottature solari, raramente si possono vedere problemi di vista e problemi di udito. La complicanza più comune e importante della vitiligine sono i suoi effetti psicologici. Problemi psicologici si osservano in circa il 50% di quelli con vitiligine. I problemi psicologici più comuni sono elencati di seguito.

  • Evitare le attività fisiche
  • Fobia sociale
  • Disturbo d’ansia
  • Depressione
  • Preoccupazione
  • Maggiore carico emotivo

Diagnosi di vitiligine

Per la diagnosi di vitiligine, un dermatologo dovrebbe essere esaminato con una luce blu chiamata “luce di legno”. Oltre a questo esame, il medico può prescriverle un esame emocromocitometrico completo, test ANA , livelli di vitamine e minerali, funzionalità tiroidea e test anticorpali.

Trattamento della vitiligine

Di solito avrai bisogno di almeno tre mesi di trattamento prima di poter vedere gli effetti. I trattamenti medici includono:

Creme topiche: Alcune creme, inclusi i corticosteroidi, aiutano a restituire il colore a macchie bianche nelle prime fasi e aiutano a rallentare la crescita. Avrai bisogno di una prescrizione per creme abbastanza forti, ma possono anche causare effetti collaterali se usate per lungo tempo. Gli effetti collaterali possono includere:

  • Assottigliamento della pelle
  • Crescita eccessiva dei capelli
  • Irritazione della pelle

Farmaci orali: Alcuni farmaci, come gli steroidi e alcuni antibiotici, possono essere efficaci nel trattamento della vitiligine. Questi possono essere ottenuti solo con prescrizione medica.

Psoralene e terapia ultravioletta A (PUVA):  Questa combinazione di trattamento richiede l’assunzione di psoralene come pillola o l’applicazione sulla pelle come crema. Il tuo medico ti espone quindi ai raggi UVA per aiutarti a ripristinare il colore della tua pelle. Successivamente, è necessario ridurre al minimo l’esposizione al sole e indossare occhiali da sole protettivi. PUVA ha effetti collaterali che possono includere:

  • Scottature
  • Nausea
  • Prurito
  • Iperpigmentazione

Luce UVB a banda stretta: Questa è un’alternativa alla terapia PUVA tradizionale. Questo trattamento fornisce un tipo più mirato di terapia della luce che di solito porta a meno effetti collaterali. Può anche essere utilizzato come parte di un programma di trattamento domiciliare sotto la supervisione di un medico.

Trattamento laser a eccimeri: Questo trattamento aiuta con le macchie in piccole aree e richiede meno di quattro mesi, due o tre volte a settimana.

Depigmentazione: Se più del 50 percento del tuo corpo è colpito e desideri bilanciare la tua pelle, il medico può raccomandare la depigmentazione. Questa è solitamente una soluzione quando i trattamenti che restituiscono il pigmento alla pelle falliscono. La depigmentazione si concentra sullo sbiadimento del resto della pelle per abbinare le aree che hanno perso il colore. Possono essere necessari fino a due anni affinché il trattamento sia efficace. Applicherai un medicinale come il monobenzone come indicato dal tuo medico. Il più grande effetto collaterale della depigmentazione è l’infiammazione. Questo trattamento tende ad essere permanente e sarai particolarmente sensibile alla luce solare.

Innesto cutaneo  : Il chirurgo plastico prende la pelle sana e pigmentata e la trasferisce nelle aree depigmentate. I rischi di innesto cutaneo includono infezioni, cicatrici o incapacità di ripigmentarsi. L’innesto cutaneo utilizzando vesciche è un’altra opzione con meno rischi. Per questa procedura, il medico creerà vesciche sulla pelle sana e trasferirà la parte superiore del blister in un’altra area.

Trapianti di melanociti  : Il medico rimuove i melanociti e consente loro di crescere in laboratorio. Le cellule vengono quindi trapiantate nelle aree depigmentate della pelle.

Micropigmentazione  : Il medico tatuerà il pigmento sulla pelle. È l’ideale per l’area delle labbra, ma può essere difficile abbinare il colore della tua pelle.

Anche se stai ricevendo cure mediche per la vitiligine, i risultati possono essere lenti. Pertanto, potrebbe essere necessario includere quanto segue:

Protezione solare: Ridurre l’esposizione al sole può aiutare a mantenere la pelle uniforme. L’abbronzatura aggiungerà contrasto alla pelle e renderà più visibili le aree interessate. Maggiore è l’SPF, maggiore sarà la protezione che otterrai. È importante utilizzare la protezione solare poiché le aree non pigmentate sono suscettibili alle scottature e ai danni del sole.

Cosmetici: Il trucco o lozioni abbronzanti possono aiutare a uniformare il tono della pelle. Puoi preferire lozioni abbronzanti in quanto l’effetto dura più a lungo anche con il lavaggio.

Gestione della salute mentale: Uno studio suggerisce che i farmaci e la psicoterapia possono migliorare la qualità della vita. Parla con il tuo medico se stai riscontrando effetti negativi sulla salute mentale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here