Cos’è una tiroidectomia?

La tiroidectomia è la rimozione chirurgica di tutta o parte della ghiandola tiroidea. È comunemente chiamato chirurgia della tiroide o chirurgia del gozzo . La tiroidectomia viene utilizzata per trattare i disturbi della tiroide come il cancro alla tiroide, i noduli tiroidei, il gozzo e l’ipertiroidismo.

La tiroidectomia è un intervento chirurgico minimamente invasivo che viene tradizionalmente eseguito attraverso una piccola incisione orizzontale nella parte anteriore del collo. In alcuni casi, può essere eseguita la chirurgia tiroidea intraorale senza cicatrici. La tiroidectomia viene eseguita attraverso un’incisione di 5 cm in anestesia generale. Dopo l’intervento chirurgico, di solito è necessario rimanere in ospedale per una notte. Quasi tutti i pazienti con tiroidectomia possono continuare il lavoro e le altre attività quotidiane senza alcun problema entro una settimana. A seconda di quanto tessuto tiroideo è stato rimosso, potrebbe essere necessario utilizzare l’ormone tiroideo dopo la tiroidectomia.

Tipi di tiroidectomia

La tiroidectomia è denominata in modo diverso a seconda della rimozione di uno o di entrambi i lobi della ghiandola tiroidea e della rimozione di tutti o parte dei lobi. Questi sono descritti di seguito:

chirurgia aperta

La chirurgia a cielo aperto è il metodo più applicato per la tiroidectomia. L’operazione viene eseguita dalla regione anteriore del collo, attraverso un’incisione di circa 5 cm, in anestesia generale. L’intervento di solito dura 1-2 ore.

Dopo l’operazione, per ridurre al minimo la cicatrice chirurgica e per ottenere il miglior risultato estetico, si cerca di far coincidere una cicatrice a piega naturale alla lunghezza dell’incisione.

La protezione delle ghiandole paratiroidi e dei nervi delle corde vocali durante la tiroidectomia saranno fattori a cui il chirurgo presterà attenzione. Il monitoraggio dei nervi, ampiamente utilizzato nella chirurgia della tiroide, riduce al minimo la possibilità di danni ai nervi avvertendo il chirurgo in modo sonoro e visivo.

Dopo la tiroidectomia chirurgica a cielo aperto, il paziente può essere dimesso il giorno successivo e riprendere la sua vita lavorativa e sociale una settimana dopo.

Tiroidectomia transorale

La tiroidectomia transorale è nota come chirurgia tiroidea senza cicatrici . Viene eseguita con strumenti laparoscopici intraorali. Dal 2018 è stato applicato sempre di più ogni anno. È un’ottima opzione per coloro che sono preoccupati per una piccola cicatrice chirurgica sul collo dopo un intervento chirurgico alla tiroide. La tiroidectomia transorale viene eseguita in anestesia generale. Il tempo di funzionamento è di circa 2-3 ore. Come nella chirurgia a cielo aperto, i pazienti possono essere dimessi dall’ospedale il giorno dopo la procedura e tornare alla loro vita quotidiana entro 1 settimana.

Tuttavia, la tiroidectomia transorale potrebbe non essere adatta a tutti i pazienti. Al fine di applicare questo metodo, si richiede il rispetto dei seguenti criteri.

  • La dimensione del nodulo più grande dovrebbe essere inferiore a 6 cm.
  • La dimensione della ghiandola tiroidea dovrebbe essere inferiore a 10 cm.
  • Il volume della ghiandola tiroidea deve essere inferiore a 45 ml.
  • Il morbo di Graves o la tiroidite di Hashimoto non impediscono l’applicazione.
  • È necessaria una biopsia con ago sottile o una valutazione ecografica per la malignità. La chirurgia a cielo aperto è preferibile nei casi con malignità o sospetta neoplasia.
  • Non dovrebbero esserci metastasi linfonodali.
  • L’area della testa e del collo non avrebbe dovuto essere irradiata prima.

Transazione di tiroidectomia

La tiroidectomia transascellare è un tipo di chirurgia tiroidea eseguita utilizzando strumenti laparoscopici dall’ascella e dall’area del torace. È comunemente noto come chirurgia della tiroide ascellare. In questo metodo, la chirurgia viene eseguita con l’ausilio di strumenti endoscopici praticando incisioni di 5 mm sia sui margini delle ascelle che dei capezzoli. Con l’aiuto della telecamera utilizzata nel metodo endoscopico, le strutture anatomiche si vedono molto più grandi e offre una grande comodità al chirurgo in termini di elementi che devono essere protetti durante l’operazione, come i nervi e le ghiandole paratiroidi che vanno alle corde vocali. È un metodo considerato di grande successo estetico e non lascia cicatrici chirurgiche sul collo. Il tasso di successo e il tasso di complicanze dell’intervento chirurgico sono generalmente molto vicini alla chirurgia a cielo aperto.

Che cos’è una tiroidectomia totale?

La tiroidectomia totale è il metodo chirurgico in cui viene rimosso tutto il tessuto tiroideo. Durante l’esame patologico eseguito durante l’operazione, chiamato esame congelato, o in base all’esito della biopsia eseguita prima dell’operazione, può essere necessario rimuovere i tessuti linfatici circostanti. È il metodo chirurgico di base applicato nei casi di cancro alla tiroide. Tuttavia, non viene applicato solo nei casi di cancro, ma è anche usato nel trattamento di malattie come il gozzo multinodulare e l’ipertiroidismo. C’è una differenza tra la tiroidectomia totale e altri metodi in termini di parametri come il metodo di applicazione e il tempo di recupero. I pazienti sottoposti a tiroidectomia totale dovranno utilizzare l’ormone tiroideo per tutta la vita dopo l’intervento chirurgico.

Il termine tiroidectomia totale bilaterale viene utilizzato per indicare che i lobi tiroidei vengono rimossi bilateralmente e per differenziare il metodo applicato dalla lobectomia.

Che cos’è la tiroidectomia subtotale?

La tiroidectomia subtotale è un metodo chirurgico in cui viene rimossa la maggior parte della ghiandola tiroidea, ma rimangono circa 4 g di tessuto tiroideo. Pertanto, le funzioni tiroidee possono essere preservate. È spesso usato nella malattia di Graves. Una tecnica molto vicina alla tiroidectomia subtotale è la tiroidectomia quasi totale. Nella tiroidectomia quasi totale rimane circa 1 g di tessuto tiroideo.

La tiroidectomia subtotale bilaterale è un metodo chirurgico in cui la maggior parte dei lobi tiroidei sinistro e destro vengono rimossi e in ciascun lobo vengono lasciati circa 2 g di tessuto tiroideo.

La procedura di Hartley-Dunhill è un metodo chirurgico in cui vengono lasciati 4 grammi di tessuto su un lato senza lasciare alcun tessuto sull’altro.

Cos’è la lobectomia?

È un metodo chirurgico in cui un lobo della ghiandola tiroidea viene completamente rimosso e l’altro lobo viene preservato. Le funzioni tiroidee sono conservate vicino al normale nella lobectomia. La chirurgia a cielo aperto o la chirurgia endoscopica possono essere utilizzate come metodo di applicazione. I processi pre e post-operatori per la lobectomia sono gli stessi degli altri metodi di tiroidectomia.

Qual è la procedura di revisione congelata?

La procedura congelata è un metodo di esame patologico generalmente utilizzato negli interventi chirurgici oncologici. I tessuti o altri materiali prelevati durante l’intervento vengono esaminati mentre l’intervento è in corso. Il patologo dà un parere preliminare sul materiale, che ha subito un rapido esame patologico, come benigno o maligno. Questa procedura è in realtà una consultazione di patologia. In base al risultato di questo, il chirurgo determina i margini chirurgici relativi alla procedura. Se la visione è maligna, il chirurgo rimuoverà un tessuto più grande e i tessuti circostanti. L’esame della patologia congelata riduce la possibilità di interventi chirurgici ripetitivi e aumenta il successo chirurgico.

Rischi di tiroidectomia

Come con qualsiasi intervento chirurgico, esiste il rischio di reazioni avverse agli anestetici generali nella chirurgia della tiroide. Altri rischi includono sanguinamento e infezione.

Raramente si verificano rischi specifici della chirurgia tiroidea. Tuttavia, i due rischi più comuni sono:

  • Danni ai nervi laringei (nervi collegati alle corde vocali)
  • Danni alle ghiandole paratiroidi (ghiandole che controllano i livelli di calcio nel corpo)

Gli integratori possono trattare bassi livelli di calcio (ipocalcemia). Il trattamento deve essere iniziato il prima possibile. Circa il 75% di coloro che sviluppano ipocalcemia guarisce entro 1 anno.

Dopo tiroidectomia

Puoi riprendere la maggior parte delle tue normali attività il giorno dopo l’intervento. Tuttavia, attendi almeno 10 giorni o finché il medico non ti dà il permesso di impegnarti in attività faticose come l’esercizio ad alto impatto.

Probabilmente sentirai mal di gola per alcuni giorni. Puoi prendere antidolorifici come l’ibuprofene o il paracetamolo per alleviare il dolore. Se questi farmaci non danno sollievo, il medico può prescrivere farmaci antidolorifici più forti.

L’ipotiroidismo può svilupparsi dopo l’intervento chirurgico. Se ciò si verifica, il medico prescriverà un tipo di ormone tiroideo sintetico chiamato levotiroxina per aiutare a bilanciare i livelli ormonali. Potrebbero essere necessari alcuni aggiustamenti ed esami del sangue per trovare la dose migliore per te.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here