Farmaci Antitiroidei

I farmaci antitiroidei prevengono la biosintesi degli ormoni tiroidei. I farmaci antitiroidei sono usati per trattare l’ipertiroidismo inibendo la produzione eccessiva di ormoni tiroidei o riducendo l’attività dell’ormone tiroideo. I farmaci antitiroidei includono carbimazolo, metimazolo e propiltiouracile. Un farmaco antitiroideo meno comune è il perclorato di potassio.

Il carbimazolo e il propiltiouracile, i cui metaboliti attivi sono il metimazolo, agiscono tutti inibendo l’enzima perossidasi tiroidea e bloccando così la sintesi (produzione) dell’ormone tiroideo.

Circa il 30-40% dei pazienti trattati con un farmaco antitiroideo rimane eutiroideo (con livelli normali di ormone tiroideo) 10 anni dopo l’interruzione della terapia farmacologica antitiroidea. Ciò significa che la malattia di Graves (la causa più comune di ipertiroidismo) è in remissione.

Un problema comune con i farmaci antitiroidei è l’ipertiroidismo o l’ipotiroidismo dose-correlato. Una rara complicanza della terapia antitiroidea è l’agranulocitosi, che richiede l’interruzione immediata del farmaco.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here