Farmaci utilizzati per situazioni di emergenza ipertensiva

Poiché è fondamentale ridurre immediatamente la pressione arteriosa in caso di emergenza ipertensiva, gli agenti vengono somministrati per via parenterale, poiché in questa fase la condizione ipertensiva può essere pericolosa per la vita. Esempi di emergenze ipertensive sono l’encefalopatia ipertensiva, l’eclampsia, l’insufficienza ventricolare sinistra acuta e l’insufficienza cardiaca acuta.

Di solito, gli agenti usati nelle emergenze ipertensive sono vasodilatatori che dilatano i vasi sanguigni e riducono la pressione sanguigna.

I vasodilatatori sono farmaci che dilatano (allargano) i vasi sanguigni, rendendo più facile il flusso sanguigno. Altri agiscono direttamente sulle cellule muscolari lisce che rivestono i vasi sanguigni. Altri hanno un effetto centrale e regolano molto probabilmente la pressione sanguigna attraverso il centro vasomotorio del cervello situato nel midollo allungato.

È usato per trattare vasodilatatori, ipertensione (alta pressione sanguigna), angina e insufficienza cardiaca.

Tipi di vasodilatatori:

  • Inibitori dell’ACE (angiotensina che converte l’enzima): Gli  ACE-inibitori  rallentano (inibiscono) l’attività dell’enzima ACE, che riduce la produzione di una sostanza chimica (angiotensina) che provoca il restringimento dei vasi sanguigni. Di conseguenza, la pressione sanguigna diminuisce a causa di vasi sanguigni allargati.
  • ARB (bloccanti del recettore dell’angiotensina): gli  ARB sono un altro tipo di farmaco che espande i vasi sanguigni. Funzionano prevenendo l’adesione angiotensica dei vasi sanguigni alla muscolatura liscia. Questo provoca vasodilatazione.
  • Calcio-antagonisti: le  cellule muscolari lisce delle arterie usano il calcio per la contrazione muscolare. I KKB impediscono al calcio di entrare nelle cellule lisce che rilassano i muscoli arteriosi. Ciò porta all’ampliamento (apertura) dell’arteria.
  • Nitrati: i  nitrati vengono convertiti in ossido nitrico, che attiva un’altra sostanza chimica che provoca l’apertura di vene e arterie. I medici prescrivono spesso nitrati per trattare l’angina.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here