Inibitori BTK

Gli inibitori della Bruton tirosina chinasi (BTK) inibiscono l’enzima BTK, che è una parte cruciale della via di segnalazione del recettore delle cellule B. Alcune leucemie e linfomi a cellule B utilizzano la segnalazione del recettore delle cellule B per la crescita e la sopravvivenza.

Pertanto, la logica per l’utilizzo degli inibitori BTK nel cancro è bloccare questo segnale e innescare la morte delle cellule tumorali.

Nell’ultimo decennio, gli inibitori BTK hanno sempre più sostituito il regime basato sulla chemioterapia , specialmente nei pazienti con leucemia linfatica cronica (LLC) e linfoma mantellare (MCL). Inibitori BTK sono particolarmente attivi in pazienti con LLC e MCL, ma sono anche stati approvati per macroglobulinemia di Waldenström , piccolo linfoma linfocitico , linfoma della zona marginale , linfoma follicolare , linfoma sistema nervoso centrale primaria, e graft-versus-host disease. Oltre alle neoplasie ematologiche, sclerosi multipla , lupus eritematoso sistemico Esistono studi di fase 2 e di fase 3 sull’uso degli inibitori BTK in malattie come l’artrite reumatoide e l’artrite reumatoide.

Gli inibitori BTK sono elencati di seguito:

  • Ibrutinib
  • Acalabrutinib
  • Zanubrutinib
  • Tirabrutinib

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here