Sindrome di Prader-Willi

La sindrome di Prader-Willi è una malattia genetica rara che causa un’ampia varietà di sintomi fisici (mani e piedi piccoli, crescita anormale e composizione corporea), difficoltà di apprendimento e problemi comportamentali. Di solito si nota subito dopo la nascita. È sporadico e i casi familiari sono rari. La sua incidenza è di 1 / 10.000-15.000 nascite. Colpisce uomini e donne in numero uguale e si verifica in tutti i gruppi etnici e le regioni geografiche del mondo. La sindrome di Prader-Willi è causata da un’anomalia del cromosoma 15 e una diagnosi definitiva può essere fatta mediante test genetici.

Sintomi della sindrome di Prader-Willi

I sintomi e la gravità della sindrome di Prader-Willi possono variare da persona a persona. È importante notare che gli individui affetti potrebbero non presentare tutti i sintomi discussi di seguito. Gli individui affetti dovrebbero parlare con il proprio medico della loro condizione specifica, dei sintomi associati e della prognosi generale. 

Inizialmente, i bambini possono mostrare una diminuzione del tono muscolare (ipotonia) e ciò può causare situazioni come l’incapacità di stare in piedi quando il bambino viene tenuto in braccio. L’ipotonia è un sintomo comune della malattia. L’ipotonia postnatale è associata a riflessi deboli, tra cui letargia, pianto debole, scarsa risposta agli stimoli e scarsa capacità di suzione con conseguenti difficoltà di alimentazione e mancanza di crescita. I bambini spesso hanno difficoltà a succhiare e potrebbero dover essere nutriti con sondino. L’ipotonia migliora gradualmente nel tempo.

I bambini affetti possono anche avere caratteristiche facciali diverse, come occhi a mandorla, un labbro superiore sottile, una bocca rivolta verso il basso, un ponte nasale stretto, una fronte stretta e una testa sproporzionatamente lunga e stretta (dolicocefalia). I tratti distintivi del viso possono essere notati subito dopo la nascita o possono svilupparsi gradualmente nel tempo.

Man mano che i bambini colpiti crescono, la loro nutrizione e appetito miglioreranno e cresceranno in modo appropriato. In genere tra i 2-5 anni, il loro peso aumenta senza cambiamenti significativi nell’appetito o nell’apporto calorico. Tra i 5-8 anni, l’appetito e l’apporto calorico generalmente aumentano. Si sviluppa la necessità di mangiare una quantità straordinariamente grande di cibo (iperfagia). Inoltre, le persone con sindrome di Prider-Willi hanno un fabbisogno calorico ridotto a causa della bassa massa muscolare, diminuzione del metabolismo e ridotta attività fisica se non trattate con la sostituzione dell’ormone della crescita. Di conseguenza, se non controllati da altri, si verificano eccesso di cibo, rapido aumento di peso e obesità patologica. Non tutti i bambini affetti attraverseranno queste fasi.

Se la malattia non viene trattata, può svilupparsi obesità patologica e potenzialmente portare a complicazioni cardiache e polmonari pericolose per la vita, diabete, ipertensione (ipertensione) e altre gravi complicazioni. La voglia di mangiare è così intensa che le persone con questa condizione possono mettersi a rischio mangiando cibi nocivi come cibo avariato o spazzatura e quantità eccessive di cibo dannoso per lo stomaco, se lasciate incustodite. I bambini affetti possono anche mostrare comportamenti insoliti legati al cibo, tra cui accumulare e / o foraggiare, rubare cibo e rubare denaro per comprare cibo.

Alcuni individui affetti hanno sviluppato complicazioni gastrointestinali gravi e pericolose per la vita a causa di episodi di alimentazione incontrollata. Tali complicazioni possono includere grave gonfiore (ingrossamento dello stomaco) con un foro o lacerazione nella parete intestinale (perforazione) e perdita di tessuto (necrosi). 

I bambini con sindrome di Prader-Willi hanno anche livelli di deterioramento cognitivo che vanno da disabilità mentale lieve a moderata con intelligenza normale. L’acquisizione delle capacità motorie (ad es. Camminare o sedersi) e lo sviluppo del linguaggio sono spesso ritardati.

I bambini affetti hanno spesso personalità dolci e amorevoli, ma spesso sviluppano diversi problemi comportamentali. Tali problemi possono includere capricci, testardaggine, comportamento ossessivo / compulsivo, comportamento manipolativo e lacerazioni della pelle, che possono causare ferite aperte croniche, cicatrici e infezioni. In alcuni casi, il profilo comportamentale può suggerire l’autismo. La psicosi si verifica in circa il 10-20% degli adolescenti in tarda età e dei giovani adulti. L’evidenza suggerisce che il tipo di difetto del cromosoma 15 può essere correlato a determinati problemi di apprendimento e comportamentali.

L’ipogonadismo è un riscontro comune nella sindrome di Prader-Willi. L’ipogonadismo significa cattivo funzionamento degli organi sessuali, dei testicoli negli uomini e delle ovaie nelle donne. I genitali negli individui affetti non possono produrre ormoni sessuali sufficienti, il che può portare a genitali sottosviluppati, sottosviluppo durante la pubertà, pubertà ritardata e infertilità. Il sottosviluppo genitale è evidente alla nascita. Negli uomini colpiti si possono vedere un pene piccolo, uno scroto non sviluppato e piccoli testicoli. Uno o entrambi i testicoli non discendenti (criptorchidismo) è un reperto comune. Le femmine affette possono mostrare un clitoride anormalmente piccolo o piccole labbra. È comune non avere ciclo mestruale (amenorrea primaria) e in alcuni casi il primo periodo mestruale (menarca) potrebbe non verificarsi all’età di 30 anni o più.

Gli individui con sindrome di Prader-Willi hanno una carenza di ormone della crescita (GH), una condizione caratterizzata da una secrezione inadeguata dell’ormone della crescita dalla ghiandola pituitaria anteriore, una piccola ghiandola alla base del cervello responsabile della produzione di molti ormoni. I bambini possono essere significativamente al di sotto dell’altezza media a seconda del sesso e dell’età. La carenza di GH colpisce sia i bambini che gli adulti e l’altezza massima degli adulti degli individui affetti è inferiore rispetto ai membri della famiglia non affetti. La carenza di GH provoca anche un aumento del grasso e una relativa diminuzione della massa muscolare (cambiamento nella composizione corporea).

Gli individui affetti possono avere mani e piedi anormalmente piccoli, curvatura laterale della colonna vertebrale (scoliosi) e displasia dell’anca in circa il 10% degli individui. La scoliosi può verificarsi a qualsiasi età, inclusa l’infanzia, varia in gravità e deve essere monitorata. Sono comuni problemi di sonno come l’eccessiva sonnolenza diurna, la diminuzione del ritardo del movimento rapido degli occhi (REM), l’interruzione del normale ciclo del sonno e l’apnea notturna centrale e / o ostruttiva.

Soprattutto in quelli con delezione del cromosoma 15q, potrebbe esserci una carenza di colore (pigmento) nota come ipopigmentazione che colpisce i capelli, gli occhi e la pelle. Possono apparire di carnagione chiara rispetto ad altri membri della famiglia. Possono verificarsi anche miopia e strabismo.

Gli individui affetti possono anche sperimentare infezioni respiratorie ricorrenti. Fino al 25% degli individui affetti può avere una ghiandola tiroidea ipoattiva (ipotiroidismo). Inoltre, gli individui con sindrome di Prader-Willi, in particolare gli adulti obesi, hanno un aumento del tasso di determinate condizioni, tra cui una ridotta densità ossea (osteopenia), una sensazione di calore alterata, un’alta soglia di vomito e fratture dovute a gonfiore delle gambe (edema) e ulcerazioni. 

Le persone con sindrome di Prader-Willi possono sviluppare insufficienza surrenalica centrale, una condizione caratterizzata da deficit di ormone adrenocorticotropo (ACTH). Questo ormone è prodotto dalla ghiandola pituitaria. Una delle funzioni principali dell’ACTH è stimolare le ghiandole surrenali a produrre cortisolo, che aiuta a regolare la glicemia e ad affrontare lo stress. In alcuni casi, l’insufficienza surrenalica centrale può essere rilevata solo durante periodi di stress (ad esempio, durante una malattia o un infortunio). 

Cause della sindrome di Prader-Willi

La sindrome di Prader-Willi si verifica quando i geni in una particolare regione del cromosoma 15 sono assenti o non funzionano. Questa regione del cromosoma 15 si trova a 15q11.2-q13 e questa regione è chiamata sindrome di Prader-Will / regione della sindrome di Angelman (PWS / AS). Negli individui con sindrome di Prader-Willi, la zona della sindrome di Prader-Will / sindrome di Angelman non funzionante si trova sempre sul cromosoma numero 15, ereditato dal padre.

Tre anomalie specifiche sono principalmente associate alla sindrome di Prader-Willi. Questi;

  • Delezione cromosomica 15q11-q13
  • Disomia uniparentale materna 15 o entrambi i cromosomi 15 dalla madre
  • Errori di imprinting genetico nella regione che controlla l’attività genica sul cromosoma 15.

Nella maggior parte delle persone (circa il 60%) con sindrome di Prader-Willi, la regione della sindrome di Prader-Will / sindrome di Angelman del cromosoma 15 del padre è mancante o cancellata. Questa delezione cromosomica è causata da un errore casuale nello sviluppo e non viene ereditata. Pertanto, la maggior parte dei casi di sindrome di Prader-Willi si verificano sporadicamente e il rischio di recidiva in un’altra gravidanza è inferiore all’1%.

Dati recenti mostrano che in circa il 35% delle persone con sindrome di Prader-Willi, la persona affetta eredita due copie del cromosoma 15 dalla madre e il padre non eredita alcuna copia del cromosoma 15 (chiamata disomia uniparentale materna). Questo tipo di cambiamento genetico si verifica anche a seguito di un errore casuale nello sviluppo. Nella maggior parte dei casi, si stima che il rischio di recidiva della disomia uniparentale sia inferiore all’1%.

Diagnosi di sindrome di Prader-Willi

La diagnosi della sindrome di Prader-Willi si basa su una storia dettagliata del paziente, una valutazione clinica completa e l’identificazione dei sintomi caratteristici e dei test genetici.

In un test genetico, i cromosomi nel campione di sangue controllano le anomalie genetiche note per causare la sindrome di Prader-Willi.

Trattamento della sindrome di Prader-Willi

Non esiste una cura per la sindrome di Prader-Willi, ma ci sono molti metodi per aiutarti a gestire le condizioni di tuo figlio. Un intervento precoce e un’assistenza rigorosa possono migliorare notevolmente la salute generale e la qualità della vita delle persone colpite e delle loro famiglie. Il trattamento da somministrare dipende dai sintomi del bambino. La gestione della nutrizione, l’esercizio fisico e i trattamenti ormonali sono i metodi di trattamento più comuni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here