Umbralisib fornisce risultati positivi per il trattamento del linfoma della zona marginale.

Più della metà degli individui con linfoma a zona marginale ricorrente trattati con l’inibitore di delta sperimentale PI3K umbralisib ha risposto positivamente al trattamento secondo i risultati dello studio clinico presentati all’incontro annuale dell’American Cancer Research Society del 2019.

Il linfoma della zona marginale viene in genere trattato prima con la terapia anti-CD20 usando Rituxane (rituximab) come farmaco singolo o in associazione con chemioterapia. I risultati della terapia a base di Rituximab sono migliorati, ma alla fine MZL si ripresenta e questi soggetti hanno opzioni di trattamento limitate.

A gennaio, la FDA ha emesso un incarico terapeutico innovativo per umbralisib per gli adulti con almeno una MZL trattata con anti-CD20.

I pazienti con MZL che avevano precedentemente ricevuto un trattamento, incluso il regime contenente almeno un anticorpo monoclonale CD20, sono stati inclusi nello studio in cui è stato valutato umbralisib. I pazienti hanno assunto 800 mg per via orale una volta al giorno fino a progressione o tossicità inaccettabile.

Sono i primi risultati a determinare che il 55% dei pazienti trattati ha ricevuto una risposta completa o parziale a 6 mesi e una persona su cinque ha avuto una remissione completa. Il tasso di beneficio clinico è stato dell’84% e i tumori sono diminuiti nel 91% dei pazienti che hanno ricevuto almeno una valutazione dopo la valutazione basale.

Gli effetti collaterali più comuni sono diarrea, nausea, debolezza, mal di testa, tosse e riduzione dell’appetito tra il 20-30 percento dei pazienti. La neutropenia è stata osservata nell’8% dei pazienti.

I risultati ora devono essere confermati in altri studi. Gli studi clinici di fase III continuano nella MZL e in altre neoplasie delle cellule B, incluso il linfoma follicolare e la leucemia linfocitica cronica.

Come funziona Umbralisib?

Le 3-chinasi di fosfatidilinositolo (PI3K) sono una famiglia di enzimi che prendono parte a funzioni cellulari come la crescita cellulare, la proliferazione, la differenziazione, la motilità, la sopravvivenza e lo scambio intracellulare, e quindi si mescolano al cancro. Umbralisib (TGR-1202) è un inibitore delta PI3K somministrato per via orale che prende di mira la selettività dell’isoforma delta su isoforme PI3K alfa, beta e gamma. Si ritiene che l’isoforma delta di PI3K sia fortemente espressa nelle cellule del sangue ed è importante nella proliferazione e nella sopravvivenza dei linfociti delle cellule B.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here